Benvenuti su MaterassoTop.net, il sito di riferimento per le opinioni e recensioni di Materassi.

Il nostro scopo è quello di aiutarvi a scegliere il materasso più adatto alle vostre esigenze, spendendo il giusto.

Non esiste infatti un materasso ideale, ma ogni persona ha esigenze diverse e quindi per riposare bene ha bisogno del materasso che più si adatta al proprio fisico e al modo in cui si dorme.

Inoltre, all’interno del nostro portale troverete classifiche e opinioni dei migliori materassi, delle reti e dei migliori cuscini per riposare meglio.

Come scegliere un materasso

Materasso

Ora, come ben saprete esistono diversi tipi di materassi, con tanto di specifiche che vanno a corrispondere alle esigenze di ciascuno di noi. Innanzitutto occorre sapere che la vita media di un materasso dura all’incirca 10 anni, anno più anno meno: un lasso di tempo che può essere determinato in base ad alcune questioni che dobbiamo porci e che influiscono sulla sua usura.

Guarda caso, tali questioni sono le stesse che dobbiamo porci quando andiamo ad acquistare un buon materasso e riguardano in prima linea le nostre caratteristiche anatomiche e fisiche.

  • Altezza e peso
  • Età
  • Posizione in cui siamo abituati a dormire
  • Problemi fisici o di salute

Soprattutto per quanto riguarda l’ultimo punto, per scegliere il materasso giusto è sempre meglio consultarsi con il proprio medico di fiducia.

Archiviate le caratteristiche anatomiche individuali, passiamo a quelle generali:

  • Materiale del materasso: da considerare per il clima ambientale e per i soggetti affetti da allergie
  • Tipologia di uso: è il materasso su cui dormirete tutte le notti per i prossimi 10 anni o un semplice – ma pur sempre comodo – letto per gli ospiti?

 

Tipi di materasso

Tipi di Materasso

Sul mercato sono disponibili diverse tipologie di materasso, la cui scelta finale dipende da diversi fattori, tra cui spiccano le caratteristiche e i materiali di composizione.

Molto importante è scegliere il materasso anche in base alla rete, o viceversa: meglio acquistarli assieme. Altro aspetto da tenere a mente: prima dell’acquisto, provate il materasso nel punto vendita in cui vi recate. Il lasso di tempo necessario per sperimentare la qualità di un materasso corrisponde a circa una decina di minuti. Provarlo con il vostro cuscino personale, inoltre, è un surplus che potrà attestare in misura maggiore se la risposta del materasso risulta soddisfacente e compensa le vostre esigenze.

In commercio esistono diversi tipi di materasso: da quelli a molle, che si suddividono in tradizionali e insacchettate, a quelli in memory foam, da quelli in lattice a quelli in poliuretano, senza dimenticare i materassi ibridi, quelli ortopedici e quelli ideali per letti regolabili.

Andiamo ora ad analizzare nel dettaglio i vari tipi di materasso disponibili in commercio, specificandone vantaggi e svantaggi – che restano comunque a discrezione della persona – e target di riferimento:

 

Tipo di MaterassoVantaggiSvantaggiIdeale per
Materasso in Memory Foam

Memory Foam

  • Adattabile alla forma del corpo
  • Attutisce i movimenti
  • Morbidezza ergonomica
  • Può aumentare la percezione del caldo
  • Chi soffre di dolori muscolari
  • Chi effettua attività o lavori stancanti
Materasso in Lattice

Lattice

  • Indeformabile
  • Traspirante
  • Ecologico
  • Facilmente lavabile
  • Garantisce un buon supporto
  • Parecchio Rigido
  • Costosi
  • Chi soffre il mal di schiena
Materasso a Molle Tradizionali

Molle Tradizionali

  • Traspirante
  • Non attutisce i movimenti
  • Il malfunzionamento di una molla può compromettere il corretto funzionamento delle altre
  • Tutti i Pesi
  • Chi solitamente dorme a pancia sotto
Materasso a Molle Insacchettate

Molle Insacchettate

  • Ergonomico
  • Si adatta alla linea del corpo
  • Tutti
  • Tutti
Materasso in Poliuretano

Poliuretano

  • Traspirante
  • Col tempo può deformarsi
  • Persone esili
  • Persone che non sudano molto

Materasso rigido o morbido?

Materasso Duro

La scelta di un materasso ha delle componenti soggettive che possono dipendere anche da salute e stato fisico.

Solitamente, eccedere in un caso o in un altro, può portare a diversi problemi. Ad esempio:

  • Materasso troppo morbido: colonna vertebrale non allineata ma curvata verso il basso
  • Materasso troppo rigido: curvatura innaturale della colonna rispetto alle reni e alle spalle, a seconda della posizione in cui si dorme

Materasso MorbidoIn commercio sono disponibili materassi caratterizzati da un diverso livello di rigidità o morbidezza e il consiglio che possiamo darvi è quello di testare i materassi nel vostro punto vendita per una decina di minuti al fine di comprendere qual è quello che più si adatta alle vostre esigenze e sostiene correttamente la vostra colonna vertebrale.

Per capire se un materasso è troppo rigido o troppo morbido, fate la prova della mano. In cosa consiste? Quando testate la consistenza di un materasso, toglietevi le scarpe e distendetevi sopra: quindi fate passare la vostra mano sotto la zona lombare. Se ci passa facilmente, significa che il materasso è troppo rigido, se invece passa con difficoltà, allora vorrà dire che il materasso che state provando risulta troppo morbido.

 

Scegliere il materasso in base alla posizione in cui dormite

Sembrerà una cosa di poco conto, ma in realtà anche la posizione che siamo soliti assumere quando dormiamo ha la sua notevole importanza nella scelta di un materasso. Andiamo quindi a scoprire quali sono i materassi più adeguati alle nostre abitudini:

Posizione Sonno

  • Posizione supina
    • Consistenza: media-rigida
    • Tipo di materasso: memory foam, lattice
  • Posizione a pancia sotto
    • Consistenza: rigida
    • Tipo di materasso: in lattice, a molle
  • Posizione su un fianco
    • Consistenza: morbida
    • Tipo di materasso: memory foam

 

 

Le qualità di un materasso


Un buon materasso ha il compito di farvi dormire bene,
per dirla in poche parole. Schematizziamo le caratteristiche e le proprietà principali che il materasso ideale di qualità deve avere:

Qualità Materasso

  • Deve adattarsi al corpo e sostenerlo in maniera efficiente per evitare problemi e disturbi alla schiena o in altre parti del corpo.
  • Deve essere traspirante, evitando dunque di intrappolare l’umidità dell’aria o del nostro corpo, e favorendo pertanto l’aspetto igienico.
  • Deve essere per tutte le stagioni, quindi non farvi sentire troppo caldo d’estate, né troppo freddo d’inverno.
  • Deve durare fino a 10 anni: questa è infatti la durata media di un buon materasso.

 

 

 

Materassi topper: cosa sono

Topper Materasso

Se avete sbagliato l’acquisto di un materasso o ne avete ereditato uno vecchio, potreste correggere il problema acquistando il cosiddetto materasso topper. Si tratta di un materassino correttore di circa 8-10 centimetri, che potrete applicare sopra il materasso “sbagliato”, rendendo ad esempio più morbido e confortevole il riposo notturno. Inoltre i materassi topper sono adattabili a qualsiasi tipo di letto. Infine, il materasso topper è che risulta facilmente lavabile in lavatrice.

 

 

Materassi ortopedici: quale scegliere?

Materasso Ortopedico

La finalità dei cosiddetti materassi ortopedici è quella di garantire a tutte le zone del corpo un buon sostegno, visto che riescono a distribuire il peso in maniera uniforme e soprattutto a far sì che l’allineamento della colonna vertebrale rispetto al resto del corpo non venga sbilanciato. Quindi, il materasso ortopedico supporta in maniera adeguata la schiena, le articolazioni e il corpo in generale.

Una cosa molto importante da sapere per ciò che concerne i materassi ortopedici è che questi sono disponibili in vari livelli di rigidità: prestate però molta attenzione, poiché spesso il termine “ortopedico” è utilizzato impropriamente dalle aziende produttrici a fini di marketing. Proprio per non incappare in questo tipo di problemi, sempre meglio consultare il proprio medico personale che saprà orientarvi sulla scelta di un materasso ortopedico finalizzato alle vostre esigenze.

 

Materassi per letti regolabili

Materasso Regolabile

I letti regolabili sono quelli che vanno a rispondere alle specifiche esigenze dei soggetti che hanno bisogno di una struttura capace di piegarsi e sollevarsi. Proprio per questo motivo, il materasso ideale per letti regolabili deve essere caratterizzato dalla flessibilità. Un materasso per un letto regolabile, dunque, non potrà essere un materasso a molle, a meno che quest’ultimo non sia stato realizzato appositamente per un letto regolabile. I materassi per i letti regolabili saranno dunque i seguenti:

  • Memory Foam
  • Lattice
  • Ad Aria

 

Rete Regolabile

Se dovessimo scegliere quale materasso prendere per il nostro letto regolabile, il nostro occhio cadrebbe comunque sui materassi in memory foam, anche per il loro grado di adattabilità al corpo e alla caratteristica ergonomica.

Per chi soffre di apnee notturne, di reflusso gastroesofageo, mal di schiena, dolori all’anca, ernia iatale, il letto regolabile con adeguato materasso a supporto rappresenta la soluzione ideale.

Per scegliere il materasso giusto per il letto regolabile è necessario prendere in considerazione due aspetti principali. Ecco quali sono e perché sono importanti:

  • Spessore: un buon materasso per un letto regolabile non deve avere uno spessore né troppo ampio né troppo sottile. Le dimensioni giuste per lo spessore di un materasso per letto regolabile corrispondono a 20 centimetri.
  • Lunghezza: dipende dalle dimensioni del letto regolabile, che solitamente è più grande rispetto alla media, e pertanto necessita di un materasso che disponga della giusta lunghezza in rapporto alla struttura.

 

Com’è fatto un buon materasso per bambini

Materasso Bambini

Proseguiamo la nostra guida introduttiva ai materassi soffermandoci su un tema delicato, ovvero scegliere il materasso giusto per i bambini. Ecco i principali aspetti che dovete considerare nella scelta di un materasso per i più piccoli:

 

  • Materasso troppo morbido? Meglio di no, per agevolare il movimento dei bambini e garantire un forte sostegno. Fate in modo che il bambino non affondi nel materasso, per non causare squilibri alla colonna vertebrale.
  • Orientatevi sulla scelta di un telaio rigido, per rafforzare il supporto.
  • Il materasso deve essere ben posizionato sul telaio e non si deve spostare in seguito ai movimenti del piccolo.
  • Scegliete un materasso traspirante, caratterizzato da una buona aerazione.

Orientatevi su un materasso antiallergico.

 

Le dimensioni del materasso

Esistono 3 dimensioni standard di materassi seguendo il modello italiano, e sono le seguenti:

  • Materasso singolo
    • Larghezza: 80 cm
    • Lunghezza: 190 cm
    • Ideali per: single, bambini
  • Materasso a una piazza e mezza
    • Larghezza: 120 cm
    • Lunghezza: 190 cm
    • Ideali per: single con esigenze di spazio, letti di emergenza o per ospiti
  • Materasso matrimoniale
    • Larghezza: 160 cm
    • Lunghezza: 190 cm
    • Ideali per: coppie

Ovviamente abbiamo fatto riferimento alle dimensioni standard, che possono risultare dunque anche personalizzabili in base alle esigenze delle persone e alle disponibilità aziendali.

 

Lo spessore del materasso

Nella scelta di un materasso anche lo spessore è una misura da prendere in considerazione, che varia da tipologia a tipologia in base al materiale e alle tecniche di costruzione. Va comunque precisato che lo spessore ideale non esiste, e che tale fattore va preso in esame insieme ad altri elementi, come il tipo di materasso, oltre alle dimensioni e al tipo di rete. Come orientarsi? Riepiloghiamo sinteticamente lo spessore medio standard (relativo al mercato italiano) riferito alla tipologia di materasso:

  • Materasso in memory foam: 20 cm circa
  • Materasso in lattice: 19-24 cm
  • Materasso a molle tradizionali: 22-23 cm
  • Materasso a molle insacchettate: 22-24 cm
  • Materasso topper: 5-7,5 cm
  • Materasso per bambini: 12 cm circa

 

La densità del materasso

La densità è un fattore tecnico da valutare quando si sta per acquistare un materasso. Da essa, tuttavia, non dipende se un materasso è morbido e rigido. La densità del materasso si riferisce invece alla schiuma che compone il prodotto e risulta sensibile alla temperatura.

La portanza del materasso

Un altro fattore tecnico è la portanza del materasso ed è da questo che dipende la durezza o meno dello stesso, visto che misura la resistenza a un carico. La portanza cambia dunque da tipo a tipo di materasso e a volte può essere anche progressiva, ovvero seguendo i vari livelli di rigidità presenti in un unico articolo, come ad esempio nel caso dei materassi a molle insacchettate.

 

 

La pulizia del materasso

Pulizia Materasso

Sudore, umidità, polvere, acari: se osservassimo il nostro letto sotto la lente di un microscopio, probabilmente avremo difficoltà in seguito a distenderci sopra tranquillamente come facevamo prima, quindi vi consigliamo di non farlo.

Quello che si può e si deve fare è tenere pulito il nostro materasso e apportare un’efficace opera di manutenzione, nel rispetto dell’igiene.

Ecco una serie di indicazioni da seguire per mantenere buone le condizioni igieniche del nostro materasso:

  • Meglio acquistare un materasso sfoderabile per pulire regolarmente e facilmente la fodera in lavatrice ad alte temperature
  • Cambiare la biancheria del letto settimanalmente
  • Non poggiare sul letto ornamenti e altri prodotti che puliamo raramente
  • Non fumare in camera da letto o, ancora peggio, sul materasso
  • Aspirare il materasso ogni 45-60 giorni su entrambi i lati e capovolgerlo

Con questi piccoli accorgimenti da effettuare periodicamente, provvederete a mantenere pulito il vostro materasso e a sconfiggere gli acari.

 

 

La manutenzione del materasso

La vita media di un materasso dura all’incirca tra gli 8 e i 10 anni, ma ciò dipende molto dalla manutenzione effettuata. Un materasso arriverà a compiere definitivamente il suo ciclo di vita se seguirete queste brevi ma importantissime indicazioni:

  • Il materasso deve essere perfettamente integrabile alla rete di appoggio, che non deve essere mai di dimensioni inferiori rispetto al materasso
  • Girate e capovolgete il materasso minimo 2 volte al mese
  • Preferite un materasso sfoderabile per agevolare le operazioni di pulizia
  • Se sbattete il vostro materasso, fatelo con cura
  • Non saltate o fate saltare i vostri bambini sul materasso
  • Non pulite il materasso con elettrodomestici a vapore
  • Non bagnate il materasso per non generare umidità e la generazione di muffe e acari

 

Lato invernale e lato estivo: come orientarsi

Lato Invernale Lato Estivo

Gran parte dei materassi disponibili sul mercato è dotata di un lato invernale e di un lato estivo, finalizzate a rendere il materasso ideale per tutte le stagioni, e quindi a non essere troppo caldo d’estate né troppo sensibile al freddo.

La differenza tra lato invernale e lato estivo consiste nel fatto che mentre il primo è caratterizzato dalla presenza di fibre calde, il secondo è determinato da un’imbottitura con fibre fresche.

Per questo motivo, giunto l’atteso momento del cambio di stagione, è sempre meglio rivoltare il materasso nel lato adeguato e ideale per la stagione in corso.

 

Materasso che cede: cosa fare

Con il passare del tempo un materasso può cedere in determinati punti, andando a provocare disturbi a schiena e cervicale. Sotto questo aspetto bisogna tenere a mente che tra i principali punti di forza e di qualità di un materasso si annovera l’elasticità, che determina peraltro il modo e i punti in cui il materasso cede.

Dove cede un materasso più di frequente? La risposta è quasi scontata: nei punti di maggior pressione. Ovvero, nelle seguenti zone:

  • Testa
  • Spalle
  • Osso sacro
  • Talloni

Un materasso efficientemente elastico contribuisce a ridurre i punti di pressione del nostro corpo sul materasso, oltre a favorire una migliore circolazione sanguigna e linfatica e il metabolismo.

 

Materasso silenzioso: addio rumori

Materasso Silenzioso

Sembra quasi assurdo, ma tra le principali motivazioni che spingono all’acquisto di un determinato materasso piuttosto di un altro spicca anche la sua silenziosità, parametro fondamentale per l’intimità ma anche per evitare di svegliarsi quando il o la nostra partner, colta da un sonno particolarmente agitato, si muove spesso nel letto, producendo dunque rumori che potrebbero urtare la sensibilità di chi ha il sonno più leggero.

Prima di ogni cosa, bisogna valutare da dove proviene il rumore: dipende dal materasso o dalla rete del letto?

I materassi più rumorosi, soprattutto con il passare del tempo, sono ovviamente:

  • Materasso a molle tradizionali
  • Materasso a molle insacchettate

I materassi più silenziosi, invece, sono i seguenti:

  • Materasso in lattice
  • Materasso in memory foam

Se state per acquistare un materasso in un punto vendita, vi consigliamo prima di testarlo. Per scoprire se fa rumore, dopo esservi tolte le scarpe, distendetevi sopra e cambiate spesso posizione in quei 10 minuti necessari per testare la qualità del vostro nuovo materasso.

 

 

Qualche consiglio sulla scelta del materasso matrimoniale

Materasso Matrimoniale

Se siete orientati alla scelta di un materasso matrimoniale, prima di tutto valutate le differenze tra le vostre caratteristiche anatomiche e fisiche. Avete due pesi diversi? Prendetelo in considerazione, poiché sia le persone magre, sia le persone in carne avranno bisogno di tipologie di materassi dalle caratteristiche diverse, o comunque che sappia conformarsi alle linee del corpo rispondendo alle esigenze specifiche di entrambi.

Prima di acquistare un materasso matrimoniale, il consiglio è sempre lo stesso: testatelo per una decina di minuti dal rivenditore, togliendovi le calzature al fine di sperimentare una situazione analoga a quella che vivrete a casa. Inoltre, cambiate spesso posizione per testarne tutti gli aspetti.

 

Prezzo materassi: breve guida per orientarsi

Prezzo Materassi

Il prezzo di un materasso dipende da vari fattori: dal materiale di cui è composto, dallo spessore del prodotto, dal tessuto del rivestimento esterno, dagli accessori presenti – come ad esempio la presenza delle maniglie nel letto matrimoniale – e dalla tipologia di lavorazione.

Naturalmente non tutti disponiamo dello stesso budget per acquistare un materasso. Vien da sé che più il prezzo sale più il materasso dovrebbe essere di qualità, e proprio per questo forse è meglio suddividere i materassi per fasce di prezzo, cercando di capire quale sia il migliore tra gli economici, tra quelli di fascia media e di fascia alta. Come capire a quale fascia appartiene un materasso? Dal prezzo di listino. In giro potete trovare anche diversi sconti, ma occhio a valutarne l’effettiva qualità, perché a volte, dietro sconti troppo generosi, si possono nascondere dei raggiri.

Sommariamente, i tipi di materassi suddivisibili in base alle fasce di prezzo sono pressappoco questi:

  • Materassi ultraeconomici: fino a 100 euro
  • Materassi economici: fino a 200-250 euro
  • Materassi di fascia media: fino a 700-800 euro
  • Materassi di fascia alta: dagli 800 euro in su

In base alla fascia di prezzo, il materasso avrà i suoi vantaggi e svantaggi e le sue finalità proprie: starà a voi poi decidere quale materasso corrisponde di più al vostro budget e al tempo stesso soddisfa le necessità che richiedete.

 

 

Share Button