Come Scegliere una Rete a DoghePer un corretto riposo quotidiano e per non incappare in disturbi durante il sonno o altre tipologie di dolori generate da una notte travagliata, è molto importante non solo la scelta del materasso, ma anche scegliere una rete a doghe adatta alle proprie esigenze. La soluzione preferibile è quella di sceglierli insieme, in modo tale che l’una sia adatta all’altro e viceversa. Lo scopo finale di questa efficace accoppiata si rifletterà sulla salute della colonna vertebrale e su tutto il vostro corpo, garantendogli un efficiente sostegno.

Come ben saprete esistono diverse tipologie di rete: la scelta della base letto da parte vostra dovrà essere fatta accordandosi alle specifiche del materasso e viceversa per i motivi sopraccitati. Non tutti i materassi si adattano ai diversi tipi di rete, pertanto è sempre meglio scegliere la rete seguendo le indicazioni fornite dal produttore del materasso. Qualora invece abbiate bisogno di aggiungervi funzionalità o trovare una rete che corrisponda alle vostre esigenze, è meglio informarsi prima al fine di non incappare in problematiche di differente natura con il passare del tempo.

 

Com’è fatta una rete a Doghe

Una rete è costituita dal telaio e dalle doghe: il primo è l’elemento fondante, il cardine principale della base letto e può essere realizzato in metallo, legno o acrilico. Le doghe, invece, vanno a formare il piano d’appoggio e possono essere realizzate in metallo – che oggi si usa molto meno – in legno – che è il materiale più diffuso – o infine in un unico pezzo rigido.

 

Come scegliere le misure di una Rete a Doghe

All’inizio di questa guida vi abbiamo subito avvisato di come sia estremamente importante fare in modo che la rete e il materasso vengano acquistati assieme, visto che devono risultare compatibili tra loro e soprattutto armonizzarsi alla perfezione, al fine di garantire un efficace sostegno al vostro corpo e soprattutto durare nel tempo. Se siete interessati a quale rete scegliere e dunque acquistare, allora forse un piccolo paragrafo su come orientarsi sulle misure vi sarà molto utile. In realtà, è tutto molto semplice: vien da sé, infatti, che le dimensioni di una rete devono risultare compatibili con quelle del materasso. In sostanza, la grandezza di una rete – calcolando ovviamente i parametri di lunghezza e larghezza – deve essere uguale o maggiore rispetto al materasso.

Esistono 3 misure standard, sebbene sia possibile ordinarne di diverse a seconda delle proprie esigenze:

  • Singola: 80×190 centimetri – 90×200 centimetri;
  • Una piazza e mezza: 120×190 cm – 130/140×200 cm;
  • Matrimoniale: 160×190 cm – 170/180×200 o più cm.

 

Le tipologie di una rete per materasso

Andiamo a vedere le principali differenze che vanno a costituire una base letto:

  • Base metallica: molto usata prima, oggi non più, anche per delle specifiche non sempre efficaci. Questo tipo di base letto, infatti, con il passare del tempo perde rigidità andando a produrre fastidiosi cigolii.
  • Base in legno: formata da aste di legno poste orizzontalmente, ovvero le doghe, che possono differenziarsi per dimensioni e distanza l’una dall’altra. Oggi è la tipologia di base letto più usata.
  • Base ortopedica: costituita da un unico pezzo rigido, inframezzato da fessure finalizzate alla traspirazione del materasso. Da prendere solo previa consultazione con il medico, in relazione agli specifici problemi di salute o fisici che si hanno.

 

Qualche parola sul telaio

Come abbiamo detto poco prima, il telaio è la struttura fondamentale di una base letto, in quanto svolge il compito di supportare l’intero piano d’appoggio, a cui vanno aggiunti il peso del materasso e quello del o dei corpi. Essendo una parte fondamentale della rete, un telaio deve essere di qualità. Come si misura la qualità di un telaio? Semplicemente dalle sue caratteristiche di resistenza: più il telaio è resistente, più durerà nel tempo. Un telaio provvisto di sostegni di rinforzo, specialmente se posizionati sopra le doghe, andranno a svolgere il loro compito in maniera egregia, evitando che il supporto generale venga meno.

 

Cosa sono e come sono fatte le doghe

La rete a doghe è quella attualmente più diffusa sul mercato ed è costituita da una serie di listelli che assicurano una maggiore traspirazione del materasso, e la cui disposizione e resistenza vanno a garantire una efficace e ampia distribuzione del peso. Queste aste in legno si differenziano per:

  • Dimensioni
    • Larghi: 20 cm circa, molto rigidi, ideali per telai in metallo.
    • Stretti: 10 cm circa, molto elastici, ideali per telai in metallo.
    • Anatomici: molto stretti ed elastici, ideali per telai in legno e metallo.
  • Distanza: più vicini tra loro, più il maggior supporto è garantito. Non esistono distanze fisse.
  • Materiale: esistono diversi tipi di legno che le persone possono scegliere, il consiglio è quello di puntare sempre su quello più resistente e duraturo nel tempo, come ad esempio il faggio e il frassino.

Inoltre i listelli possono essere di 3 tipi:

  • Fissi: modello più economico e più diffuso, sono fissati al telaio e risultano molto rigidi. Consigliati per i materassi a molle tradizionali e insacchettate, mentre non si accordano con i materassi in lattice.
  • Regolabili: modello più costoso, i listelli sono estraibili e posizionabili dove si vuole alla distanza che si preferisce.
  • Pieghevoli: modello più costoso, adatto per i più anziani e per chi ha problemi fisici o di salute. A loro volta i listelli pieghevoli possono essere di tipo manuale o motorizzato. Ovviamente sono sconsigliati per i materassi a molle.

Esistono altri due tipi di listelli, la cui scelta è in base alle preferenze personali:

  • Listelli ammortizzati: provvisti di ammortizzatori oscillanti, in grado di supportare in maniera efficiente sia il materasso, sia il peso del corpo.
  • Listelli non ammortizzati: l’elasticità viene generata solo ed esclusivamente dal materiale dei listelli.

 

A quale materasso corrisponde una rete

Diteci quale materasso avete e vi diremo quale rete si adatterà a esso. Considerando che è sempre fortemente consigliato affidarsi ai consigli e alle indicazioni del produttore del vostro materasso, una rete letto deve sempre saper corrispondere ai criteri comunicati dall’azienda produttrice del materasso. Andiamo a vedere quale modello di rete corrisponde a uno specifico tipo di materasso.

  • Materassi a molle: per questo tipo di materasso l’ideale è una base letto a doghe in legno o a pezzo unico. Ciò che conta è che le doghe siano larghe e poco distanti tra loro.
  • Materassi in lattice: necessaria una rete solida e resistente, con doghe la cui distanza reciproca non superi preferibilmente i 7,5 centimetri. Ideale per le reti anatomiche, ma preferibilmente aerate, perché una buona circolazione dell’aria è molto importante.
  • Materassi Memory Foam: anche qui è necessaria una rete solida, con un supporto uniforme lungo tutta la superficie. Tuttavia, per questa tipologia di materassi, è altamente preferibile seguire le indicazioni del produttore, specialmente per ciò che concerne il numero dei listelli e la loro distanza reciproca.
  • Materassi ergonomici: necessarie le reti anatomiche, sempre comprensive di una buona aerazione, per un’efficace circolazione dell’aria.
  • Materassi ortopedici: la base letto dovrà essere della stessa tipologia del materasso.

 

Come scegliere la giusta rete matrimoniale

Come per la scelta del materasso, anche quella della rete matrimoniale deve essere effettuata tenendo bene a mente le esigenze di chi la condividerà. A seconda del peso di ciascuno dei due componenti della coppia, o delle specifiche necessità di ognuno di loro, sarò opportuno pensare alla soluzione migliore e preferibile per entrambi. Nel caso di uno squilibrio di peso, ad esempio, forse sarebbe meglio optare per due reti – e di conseguenza anche due materassi – diverse, da affiancare poi nella stanza. Un’altra buona soluzione potrebbe corrispondere a una rete matrimoniale regolabile. Ultima strada da percorrere – e se siete sposati dovreste ben conoscerla – è quella del compromesso: accontentate le vostre reciproche esigenze e desideri, scegliendo una rete che condivida le caratteristiche preferite sia dall’uno sia dall’altro.

 

Quale rete a doghe scegliere: riepilogo punti principali

Se siete alla ricerca di una rete per il letto, ecco i punti da tenere in considerazione prima di procedere all’eventuale acquisto:

  • Seguire le indicazioni del produttore del materasso
  • Conseguente adattabilità con il materasso
  • Misure del materasso
  • Tipologia e resistenza del telaio
  • Tipologia della base letto, in base alle proprie urgenze
  • Tipologia e materiale delle doghe, a seconda delle esigenze
  • Distanza reciproca e dimensioni dei listelli in base al telaio e al materasso
  • Provate rete e materasso insieme nel punto vendita.

Se dopo aver letto la nostra guida su Come Scegliere una Rete per Materasso, avete le idee chiare e siete dunque intenzionati ad acquistare un rete per materasso, vi consigliamo di andare direttamente alla nostra Classifica con le Migliori Reti a Doghe.

Share Button