Siete alla ricerca di un buon materasso a Molle Insacchettate che migliori la qualità del vostro sonno, ma non sapete ancora quale tipo scegliere? Questa guida è orientata a fornirvi tutte le notizie utili e le informazioni più importanti su questa particolare tipologia di materasso, vale a dire il materasso a Molle Indipendenti, che potrebbe rappresentare una buona soluzione per molte persone. Per condurvi a una scelta ragionata, andremo quindi a illustrarvi una panoramica generale sui materassi a molle indipendenti, dedicando la giusta attenzione a ogni singolo aspetto.

 

Cosa sono i Materassi a Molle Indipendenti

I materassi a molle sono tra i materassi più tradizionali, ma sul mercato si sta diffondendo sempre di più il modello evoluto, vale a dire il materasso a molle insacchettate, anche noto come materasso a molle indipendenti. La differenza principale tra queste due tipologie di materassi sta nel fatto che in quelli tradizionali le molle sono strettamente collegate tra loro e quindi dipendenti le une dalle altre, mentre le molle insacchettate funzionano in modo indipendente. Quest’ultimo tipo di materasso è molto più efficace di quello a molle tradizionali poiché è in grado di garantire un adeguato sostegno del corpo grazie all’effetto delle molle indipendenti su tutta la superficie del materasso, ottimizzare la resistenza al peso, conformarlo in base ai punti di pressione e ridurre questi ultimi, con il beneficio principale di apportare comodità al riposo e soprattutto evitare i classici problemi dei materassi a molle tradizionali, dove il movimento e il peso del corpo influisce su tutta la struttura.

 

Come sono fatti i materassi a molle insacchettate

I materassi a molle insacchettate sono formati da un certo numero di molle, ciascuna delle quali è racchiusa in un sacchetto di tessuto – da qui il termine “insacchettate” – e agisce in maniera indipendente rispetto alle altre, rispondendo efficacemente alle sollecitazioni e ai movimenti del corpo e adeguandosi in maniera piuttosto rapida al profilo della persona che vi si distende. In breve, non sono le molle a essere legate tra loro, ma i sacchetti che le rivestono, dando così ampia libertà di reazione alle molle stesse. Inoltre, i materassi a molle insacchettate di qualità risultano molto più silenziosi rispetto ai materassi a molle tradizionali.

È proprio il carattere indipendente delle molle che agisce sulla portanza differenziandola in base ai diversi carichi del corpo. Ovviamente, spalle e tronco peseranno più di gambe e testa e il sistema a molleggio indipendente agisce pertanto proprio sui carichi differenti, in modo tale da distribuire equamente il peso del corpo su tutta la superficie e alleviare la pressione. Questo si traduce in una rapida e pratica adattabilità del materasso al corpo e non viceversa per un sostegno ottimale.

Mentre il materasso a molle tradizionali non assicurava una corretta postura della schiena e non teneva conto delle differenze di peso delle varie parti del corpo, quello a molle insacchettate dispone di notevoli proprietà ergonomiche e non risulta neppure troppo rigido, donando invece una piacevole sensazione di comfort. Il tipico mal di schiena da risveglio generato dai tradizionali materassi a molle è un lontano miraggio nei materassi a molle insacchettate di qualità: la resistenza di ogni singola molla in acciaio e la traspirabilità del sacchetto che la protegge apporta benefici dal punto di vista ergonomico e da quello igienico e salutare. Generalmente il letto a molle insacchettate singolo è composto da più di 300 molle, mentre per quello a molle insacchettate si parte da una base di 700 molle indipendenti. Grazie a questa struttura, la portanza si differenzia generalmente in 7 zone specifiche, andando ad alleviare le pressioni e di conseguenza evitare notti agitate.

 

Materassi a molle insacchettate: costituzione

La struttura di un materasso a molle insacchettato si compone dei seguenti elementi fondamentali:

  • Il sistema a molle: in questo caso un sistema a molle indipendenti, ovvero costituito da un elevato numero di molle indipendenti le une dalle altre e contenute in un sacchetto di tessuto protettivo e traspirante. Le molle insacchettate agiscono in maniera indipendente, sostenendo così efficacemente tutte le parti del corpo.
  • La fodera esterna: per ciò che concerne questa componente, bisogna che venga messa maggiormente in risalto la qualità, poiché si tratta della parte che si trova a contatto con il corpo. La qualità del tessuto della fodera esterna dipende prevalentemente dal materiale, che può essere naturale o più all’avanguardia, ed essere dotato di proprietà traspiranti e idratanti. Per consentire la lavabilità della fodera e pertanto migliorare l’aspetto igienico del materasso, è necessario che la fodera abbia una cerniera lungo il perimetro che consenta di rimuovere il rivestimento del materasso e lavarlo a una temperatura che varia in base al materiale dello stesso.
  • L’imbottitura: dal materiale con cui è costituita l’imbottitura del materasso, dipende solitamente il suo grado di rigidità. Anche qui, come per la fodera esterna, il materiale può essere di diverso tipo e quindi con le sue specifiche proprietà.
  • Strato ammortizzante: un buon materasso a molle insacchettate dispone solitamente di uno strato ammortizzante posto sotto il materasso, che consente di renderlo più morbido e comodo. Generalmente, dall’altezza di questo strato dipende la comodità del materasso.
  • Strato isolante: finalizzato a isolare le molle e alla ridistribuzione corretta dei pesi.
  • Fasce laterali: hanno il compito di chiudere il sistema a molleggio indipendente e di rendere il bordo perimetrale del materasso più robusto, coadiuvate da appositi rinforzi, per un corretto sostegno del corpo.

 

Come scegliere un materasso a molle insacchettate di qualità

Maggiore è il numero di molle indipendenti, migliore è la qualità complessiva del materasso. Per riconoscere un materasso a molle insacchettate di alta qualità, bisogna considerare che il numero base deve partire da almeno 400 molle indipendenti per il materasso singolo e dunque circa il doppio o poco più – sempre come punto di partenza – per il modello matrimoniale. Inoltre, le molle dovrebbero avere un diametro che vari da 1,6 a 2 millimetri. Rispettando queste specifiche, il sistema a molleggio indipendente subirà minore stress rispetto al peso e ai movimenti del corpo, garantendo pertanto un sostegno migliore. Altra componente per valutare la qualità di un materasso a molle insacchettato si rispecchia nei rinforzi che dovrebbero presenziare sul bordo perimetrale, perché assicurerebbero un maggior sostegno sia durante la notte, sia di mattina al risveglio.

 

Materassi a molle insacchettate: i principali vantaggi

I benefici dei materassi a molle insacchettate sono tali da poterli ormai affiancare ai più moderni materassi in lattice e memory foam. Naturalmente, sotto questo aspetto, la comodità di un materasso è una componente fortemente soggettiva – si consiglia sempre di provare per almeno 10 minuti il materasso nei punti vendita in cui vi recate per testare come voi lo sentite – e quindi ogni tipologia di modello può piacere a una determinata categoria di persone per le sue specifiche proprietà. Non è nostro compito considerare se i materassi a molle insacchettate siano migliori dei memory o dei lattice, perché questo starà a voi deciderlo: possiamo tuttavia elencare la serie dei principali vantaggi e benefici che vantano i materassi a molle insacchettate e che possono sinteticamente tradursi in questi aspetti:

  • Si adeguano al corpo: a differenza dei materassi a molle tradizionali, sui quali era il corpo a doversi adattare, quelli a molle insacchettate si adattano al corpo e ne seguono i movimenti grazie al sistema a molleggio indipendente.
  • Portanza differenziata: le molle indipendenti permettono un’adeguata distribuzione del peso del corpo sulla superficie, alleviando i punti di pressione e agendo su diversi carichi grazie alla risposta delle molle insacchettate alle sollecitazioni del corpo stesso in maniera differente in base al tipo di carico. Il sostegno assicurato dalle molle indipendenti non sarà dunque costante come quello generato dalle molle tradizionali, bensì equilibrato lungo tutta la superficie in base alla pressione esercitata dalle varie zone.
  • Buona ventilazione: il modo in cui è strutturato un materasso a molle insacchettate crea degli spazi piuttosto ampi nella struttura interna del materasso, favorendo così una buona circolazione dell’aria e una efficiente ventilazione.
  • Non trattiene il calore: proprio a causa di questa buona ventilazione, il materasso a molle insacchettate non trattiene l’umidità, risultando una soluzione ottimale per chi soffre di allergia o patologie respiratorie, né il calore, risultando pertanto adatto anche alla stagione più calda.

 

Cosa sono i materassi a molle insacchettate ad accoglienza progressiva

Forse vi sarà già capitato di imbattervi nei materassi a molle insacchettate ad accoglienza progressiva e probabilmente vi sarete chiesti cosa significa. È presto detto: i materassi a molle insacchettate ad accoglienza progressiva sono equipaggiati da un sistema di molleggio formato da due strati finalizzati ad accogliere progressivamente il peso del corpo.

  • Primo strato: solitamente spesso 4 centimetri, ha il compito di accogliere e assecondare il corpo, assecondando in particolare la colonna vertebrale e gli arti senza generare compressioni.
  • Secondo strato: caratterizzato da una maggiore rigidità, assolve il ruolo di sostenere il bacino e le spalle impendendo eventuali affossamenti, sostenendo di fatto il corpo.

L’azione dei due strati produce pertanto un buon bilanciamento di tutto il corpo, favorendo la circolazione sanguigna e linfatica, riducendo al grado zero la compressione sulle terminazioni nervose. Questo, come dice il nome stesso, favorisce per l’appunto un’accoglienza del corpo in modo progressiva, con il primo strato che accoglie il corpo sul secondo strato, e con quest’ultimo che lo sostiene in modo adeguato.

 

Materassi a molle insacchettate: manutenzione

La corretta manutenzione di un materasso a molle insacchettato segue più o meno le stesse regole generali relative alla manutenzione di una qualsiasi tipologia di materasso. Sintetizziamo i punti principali:

  • Testa-Piedi e Sotto-Sopra: per garantire la buona manutenzione di un materasso è necessario che questo venga girato testa-piedi e sotto-sopra almeno 2 volte al mese. Se il materasso è nuovo, inoltre, per i primi 90 giorni di utilizzo sarebbe preferibile compiere questa operazione almeno una volta a settimana.
  • Lavare la fodera: sempre meglio acquistare un materasso sfoderabile, in modo tale da lavare il rivestimento alla temperatura consigliata, variabile in base al materiale, per preservare l’aspetto igienico.
  • Arieggiare la stanza: aprire le finestre e far circolare l’aria nella stanza occupata dal materasso a molle insacchettate. Inoltre, appena svegli, scopritelo delle lenzuola, per favorire una maggiore areazione.
  • Pulire il materasso: pulire il materasso con l’aspirapolvere, ma non con prodotti a vapore, che a volte potrebbero inficiare sulla buona manutenzione del materasso stesso.

 

Materassi a molle insacchettate: quanto costano?

I materassi a molle insacchettate costano di più dei materassi a molle tradizionali, avendo un numero maggiore di molle caratterizzate però da un diametro più piccolo. Anche la lavorazione del sacchetto che protegge le molle influisce sul prezzo. Questa tipologia di materasso, tuttavia, è meno costosa rispetto a quelli in memory o lattice. Il prezzo di un materasso a molle insacchettato può dipendere peraltro da diversi fattori, come la qualità delle materie prime, lo spessore e la marca che lo produce. Non crediamo ci sia bisogno di precisare che più alto è il prezzo di un materasso a molle insacchettate, maggiore sarà la qualità, ma lo ribadiamo lo stesso, avvisandovi comunque che sul mercato sono disponibili materassi a molle insacchettate che si distinguono per un ottimo rapporto tra qualità e prezzo.

 

Materassi a molle insacchettate: ideali per chi?

I materassi a molle insacchettate sono consigliati a tutte le tipologie di persone, poiché hanno maggiori benefici rispetto alle molle tradizionali per quanto riguarda il corretto sostegno alla colonna vertebrale e al corpo nella sua interezza, e anche un minor costo rispetto ad altri modelli in memory foam e lattice. In commercio sono disponibili anche modelli ibridi, che mescolano la struttura a molle indipendente con il memory o il lattice.

Generalmente, i materassi a molle insacchettate sono utili per favorire la circolazione sanguigna e per gli allergici, grazie alla buona ventilazione generata dalle camere d’aria presenti all’interno del materasso. I materassi a molle indipendenti risultano una soluzione ottimale anche per chi soffre troppo il caldo d’estate poiché, proprio a causa di una buona ventilazione, non trattengono umidità e calore, né lo emanano.

Share Button